bookmark bookmark
Olivs On dicembre - 3 - 2005
Share/Condividi

Il titolo è abbastanza eloquente, capita purtroppo che a volte i dischi si rompano.
Quando cominciano a manifestarsi strani comportamenti o rumori inconsueti, non abituali, per capirci meglio, forse è il caso di preoccuparsi
Prima di tutto salvare il salvabile.

Spostare a mano i documenti piu importanti su un altro supporto, se questa operazione va molto a rilento, è molto probabile che alcuni documenti risiedano in quella parte del disco danneggiato.
Provare a lanciare disk utility, anche se non sempre quello che dice disk utility in situazioni così estreme è vero. In questo caso ecco cosa appare e dice ahime la verità.
disco rotto
Imprecare aiuta sul momento, ma non aggiusta nulla, quindi mantenere la calma è l’unica soluzione accettabile. Fare mente locale di quali siano i documenti fondamentali, lavoro, casa ecc. e soprattutto quando è stata l’ultima volta che abbiamo eseguito il backup.
In questo caso ho ritenuto opportuno operare nel seguente modo

  1. Prendere la cartella Mail in
    /Users/nomeUser/Library/

    e spostarla su un disco esterno, questa procedura è andata molto a rilento perchè purtroppo parte delle email risiedevano nei clusters danneggiati.

  2. Grazie a una nuova feature di Tiger, ma molto apprezzata in questo caso, creare una smart folder che comincia dal giorno dell’ultimo backUp fatto e finisce oggi e comprende tutti i documenti creati o modificati in questo periodo.
    Ora la panoramica è più chiara e si riescono a spostare tutti i documenti su un altro disco.
  3. Attenzione a non cantare vittoria troppo presto, può darsi che questa procedura non vada in porto, quindi ecco come procedere, sperando che il disco tenga si intende.

  4. Riavviare il computer in single user mode, ovvero tenendo premuti i tasti mela S.
    Arrivati a un prompt nel quale lanciare il comando:

    /sbin/fsck -fy

    attenzione a guardare quello che si scrive perchè la tastiera non è ancora “caricata” in versione italian o italian pro.
    Questo comando controlla il filesystem e cerca di rimetterlo a posto per quanto sia possibile.
    Se dopo aver controllato tutto vi uscirà questa scritta

    The volume nomeHD appears to be ok

    digitare exit e sperare che il disco si riavvii. Sennò ripetere la procedura

    /sbin/fsck -fy

    Il riavvio può richiedere anche qualche minuto

  5. Se tutto ha tenuto riprovate ad eseguire le procedure suggerite in alto (la 1 e la 2)

Categorie: hardware, osX